Ultimo aggiornamento: 14 dicembre 2017 alle 14:21

Catania, sorelle uccise: preso il killer. Massacrate per rubare 200 euro

Si tratta di un pregiudicato di Ramacca. “La scena del delitto è raccapricciante, lavoriamo in condizioni difficili”, ha detto il procuratore Giuseppe Verzera. I fatti a Ramacca, le due sorelle, di 70 e 79 anni, si chiamavano Lucia e Filippa Mogavero.

I carabinieri del comando provinciale di Catania e della compagnia di Palagonia hanno fermato il presunto duplice omicida delle sorelle Maria Lucia e Filippa Mogavero, di 70 e 79 anni,  massacrate ieri a coltellate nella loro casa di Ramacca: si tratta di Gianluca Modica, un 30enne del posto, con precedenti per spaccio di droga, che avrebbe agito a scopo di rapina: ‘colpo’ che avrebbe fruttato 200 euro. A incastrarlo le immagini di videosorveglianza e alcuni indumenti dell’indagato trovati con tracce del duplice omicidio.

Il 30enne non era a casa al momento dell’arresto, è stato trovato nell’abitazione di parenti. Durante la perquisizione a casa dell’uomo, è stata rinvenuta  una soletta di una scarpa dell’uomo dello stesso tipo di quella trovata sotto il corpo di una delle due vittime e una felpa con cappuccio e un paio di jeans di Modica che erano stati lavati anche con dei reagenti. Ora deve rispondere di duplice omicidio aggravato, oltre che della stessa rapina.

Le due donne, nubili e casalinghe, vivevano in un’abitazione vicino alla villa comunale insieme a una terza sorella, un’insegnante che al momento del delitto era a scuola. Proprio lei, una volta rincasata, ha scoperto il dramma: il corpo di una delle sorelle è stato trovato in un ripostiglio, l’altro riverso nella camera di letto. Entrambe erano ormai senza vita. “Sono entrati e hanno fatto quello che volevano”, dice Giovanni Mogavero, fratello delle due vittime, carabiniere in pensione: “La mia esperienza la tengo per me”. Sono dei mostri? “Certo chi fa una cosa del genere non è una persona sensibile”.

La ricostruzione fatta dai carabinieri, a cui la procura di  Caltagirone ha affidato le indagini, le due anziane donne sarebbero state prima picchiate e poi accoltellate a morte. Sin dai primi istanti, gli inquirenti hanno privilegiato la pista della rapina anche per il disordine provocato dall’omicida che ha messo a soqquadro l’appartamento. “La scena del delitto è raccapricciante, lavoriamo in condizioni difficili”, ha ammesso il procuratore Giuseppe Verzera, parlando di evidenti segni di pestaggio e armi da taglio sul corpo delle sventurate sorelle. Secondo il magistrato si tratta solo “dell’ennesimo massacro che si registra nel Calatino. Sono già sette gli omicidi registrati. Alcuni dei quali molto efferati. Bisogna fermare tutto questo. Noi e le forze dell’ordine siamo impegnati al massimo con i problemi di organico e anche legati al territorio e alla criminalità presente”.

Per il sindaco, Giuseppe Limoni, si tratta di “una tragedia immane che ha gettato nello sconforto tutta la nostra comunità. Nessuno di noi ha idea di chi possa aver commesso un gesto così atroce ed efferato. Siamo una comunità di 10 mila persone e ci conosciamo tutti, il nostro non è un paese che ha la violenza nel suo Dna. Le vittime erano due anime pie, due persone veramente per bene, tutte casa e chiesa”. fanpage.it

(Visited 35 times, 1 visits today)

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*