Ultimo aggiornamento: 10 dicembre 2017 alle 14:32

“Deutsche Bank rovinò l’Italia” Ora a Milano scatta l’indagine

The headquarters of Deutsche Bank are pictured in Frankfurt in this October 29, 2013 file picture. German banking regulator Bafin has demanded documents from Deutsche Bank as part of a probe into suspected manipulation of benchmark gold and silver prices by banks, the Financial Times reported, citing sources. Picture taken October 29, 2013. REUTERS/Ralph Orlowski/Files (GERMANY - Tags: BUSINESS)

Deutsche Bank è indagata: causò la crisi dello spread

Ex vertici sotto inchiesta per manipolazione di mercato. Nel 2011 poca chiarezza sulla compravendita di Btp

La prima banca tedesca, Deutsche Bank, e alcuni suoi ex top manager sono indagati dalla Procura di Milano per la mega speculazione in titoli di Stato italiani effettuata nel primo semestre del 2011.

 Operazione che contribuì a far volare lo spread dei rendimenti tra i Btp e i Bund tedeschi e a creare le condizioni per dimissioni del governo Berlusconi, a cui subentrò l’esecutivo di Mario Monti.Secondo l’Espresso in edicola oggi, che ha ricostruisce e rivela la vicenda, l’ipotesi di reato è la manipolazione del mercato, avvenuta attraverso operazioni finanziarie finite sotto la lente dei pm per un totale di circa dieci miliardi. Affari realizzati da Deutsche Bank dopo il crac della Grecia, quando la crisi del debito pubblico cominciava a minacciare altri Paesi mediterranei, tra cui Italia e Spagna.

A onor del vero l’indagine sul gruppo bancario di Francoforte è vecchia di due anni, avviata dalla Procura pugliese di Trani (già attiva in altri procedimenti finanziari come per esempio quello contro le agenzie di rating). E nel settembre scorso è arrivato l’avviso di conclusione delle indagini, con i magistrati pugliesi pronti a chiedere il rinvio a giudizio di cinque banchieri che guidavano il gruppo nel 2011 (tra cui l’ex presidente Josef Ackermann e gli ex ad Anshuman Jail e Jurgen Fitschen) e della stessa Deutsche Bank. Poi però non si è saputo più nulla. E ora si apprende che l’indagine è stata trasferita a Milano dalla Corte di Cassazione, per motivi di competenza territoriale, su richiesta dei difensori della banca.

Come noto, la vicenda riguarda la forte riduzione negli investimenti in titoli di Stato italiani avvenuta nei primi sei mesi del 2011, quando Deutsche Bank smobilitò 7 dei circa 8 miliardi dei Btp che deteneva. Comunicando tutto soltanto il 26 luglio. Una notizia bomba, tanto che il Financial Times titolò in prima pagina sulla «fuga degli investitori internazionali dalla terza economia dell’eurozona».

Ora l’indagine che i pm milanesi hanno riaperto ricostruisce l’intera serie di operazioni decise dalla banca tedesca. E, secondo l’accusa, emergerebbe che già alla fine dello stesso mese di luglio del 2011, Deutsche Bank aveva già ripreso a comprare Btp, per almeno due miliardi, senza annunciarlo. Mentre altri 4,5 miliardi di titoli italiani erano posseduti da un’altra società tedesca acquisita nel 2010 da Db. Alla data del 26 luglio, dunque, Db comunicò le vendite avvenute entro il 30 giugno, ma non gli acquisiti successivi. Avendo quindi venduto prima del crollo dei prezzi, e ricomprato dopo. Una speculazione che sembra aver fatto perno sulla crisi finanziaria italiana, causandone poi anche quella politica. Il Giornale

(Visited 22 times, 1 visits today)

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*