Ultimo aggiornamento: 6 dicembre 2017 alle 16:40

Avvelenati da una tisana al tallio

La sostanza era in un contenitore senza etichette né indicazioni della provenienza. I campioni prelevati dallʼAgenzia tutela salute di Monza

 Tracce di tallio in quantità superiore alla soglia minima di sicurezza sono state trovate in una tisana “campionata” a casa di Alessio Palma e Maria Lina Pedon, i coniugi ultraottantenni di Nova Milanese (Monza) ricoverati da metà novembre proprio per avvelenamento da tallio. Nella stessa famiglia erano già morte tre persone per avvelenamento, mentre cinque in tutto sono finite in ospedale.
La tisana “al tallio”, in una terrina priva di marca e di indicazionisulla provenienza, è stata “campionata” dai tecnici dell’Agenzia tutela salute per la provincia di Monza e Brianza durante l’ultimo sopralluogo dei carabinieri.

Gli esiti degli esami, eseguiti a Torino all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Piemonte Liguria e Valle d’Aosta, hanno evidenziato la positività al tallio di alcune “erbe da infuso” non di fabbricazione commerciale, su cui sono scattate le verifiche per risalire a chi potrebbe averle preparate. TGCOM24

(Visited 13 times, 1 visits today)

Scrivi un commento

Your email address will not be published.


*